top1.jpg (3144 byte)

Il simbolismo degli arcani maggiori

 

pape.jpg (21095 byte)

 

La Sacerdotessa

La sacerdotessa siede su di un bellissimo trono affiancato da due colonne; una nera che rappresenta il male, la luna, la magia nera e l'altra bianca, simbolo del sole, del bene e della magia bianca.

E' comunque necessario specificare che in materia esoterica il bene come noi lo intendiamo non è qui classificato in modo così puro e quindi anche il male, inteso come cattiva azione, non esiste.

Il significato di questi due termini è molto più profondo essendo, qualsiasi connotazione morale, qualcosa che alla materia spirituale non interessa. Il male è visto come un evento necessario per l'esistenza stessa del bene, un evento che non va giudicato ma altresì analizzato.

Su questo meraviglioso trono essa siede in mezzo a fiori e frutti; il suo volto, benche' attorniata da tanta bellezza feconda e da tanta sapienza (simbolicamente espressa dalle due colonne), è al contempo misterioso e malinconico. le sue mani affusolate riposano in grembo trattenendo un papiro nel quale sono scritte e custodite scienza e leggi.
I suoi piedi non toccano terra perchè lei, trovandosi su di un piano superiore di coscienza e di sapienza, vede e conosce le cose terrene senza farne realmente parte; ciò è reso evidente da una simbologia estremamente semplice come quella del cuscino su cui poggia i piedi.
Porta un copricapo strano, sormontato da una sfera trasparente ( forse la sfera della divinazione ).
La sacerdotessa è la figura esoterica per eccellenza, depositaria dell'essenza femminile connaturata alla spiritualità e all'elevazione al di sopra della materia. Essa emana dolcezza, tolleranza, sensibilità.
In questa carta i quattro elementi scompaiono per lasciare il posto alla concentrazione assoluta, alla riflessione, alla meditazione, alla conoscenza.
La papessa conosce passato, presente e futuro, è la maga, la strega perfetta, colei che parla con la natura per cui per lei non ci sono più segreti. Dalla sua enorme sapienza derivano la sua tristezza e la sua solitudine perchè lei ha il senso della brevità dell'esistenza umana e sa che il cammino da intraprendere è di tipo spirituale, difficile, arduo e sgradito.
Sul petto porta un simbolo che può sembrare una croce ma che è anche simbolo di intersezione di assi cartesiani con l'origine proprio al centro del petto.

Dal punto di vista metafisico questa carta fortissima indica il varco attraverso il quale uscire dal corpo materiale per dirigersi verso altre più profonde ed appaganti esperienze.

Questa lama è inoltre associata alla luna e alla sua energia nascosta, all'anima, alla sensibilità, all'intuizione, all'istinto, al moto lunare che tanta influenza ha sulla vita della terra attraverso le maree, e non solo.

Torna indietro

Studio Esoterico Bastet
via Della Gronda, 142-  55049 Viareggio ( LU )

e-mail : Miracha@Miracha.com Tel: 0584632221

croce1.gif (348 byte)

Copyright © 1997-Studio Esoterico. All Rights Reserved